L'Animal Welfare Board chiede un'inchiesta sulla morte del cavallo durante le riprese del film, caso prenotato

I registi compassionevoli e lungimiranti non si sognerebbero mai di trascinare animali sensibili in un set cinematografico caotico e costringerli ad agire. PETA India chiede al regista Mani Ratnam di porre fine alla crudeltà e di passare alla CGI moderna e umana e ad altre tecnologie di effetti visivi, afferma inoltre il comunicato della PETA.


Immagine rappresentativa Credito immagine: Twitter(@BoardWelfare)
  • Nazione:
  • India

Il Consiglio per il benessere degli animali dell'India (AWBI) ha chiesto un'inchiesta in relazione alla morte di un cavallo qui presumibilmente durante le riprese del regista Mani Il dramma storico Tamil di Ratnam '' Ponniyin Selvan '', secondo PETA.

Un funzionario di polizia qui giovedì ha detto di aver registrato un caso dopo un volontario di PETAIndia , il 18 agosto ha presentato una denuncia affermando che un cavallo è morto durante le riprese del film in un terreno privato vicino a uno studio cinematografico qui l'11 agosto.

Sulla base della denuncia, è stato registrato un caso contro la direzione della casa di produzione 'Madras Talkies' e il proprietario del cavallo nell'ambito della prevenzione della crudeltà sugli animali (PCA) Act e IPC, hanno detto.



Il funzionario di polizia attaccato ad Abdullapurmet La stazione di polizia ha detto che un veterinario ha condotto un'autopsia e che si attende ancora un rapporto. A seguito di un reclamo di People for the Ethical Treatment of Animals (PETA) India sulla base delle segnalazioni degli informatori riguardanti l'incidente, l'AWBI ha scritto al collezionista del distretto di Hyderabad e il Telangana State Animal Welfare Board per condurre un'inchiesta sulla morte, ha detto un comunicato della PETA.

La carcassa fu seppellita sullo stesso terreno.

Secondo la denuncia ricevuta da loro da un informatore diversi cavalli sono stati utilizzati ininterrottamente per ore sul set del film a causa del quale gli animali erano stanchi e disidratati.

'Nell'era delle immagini generate al computer (CGI), le società di produzione non hanno scuse per costringere i cavalli esausti a giocare in guerra fino a quando uno di loro non muore', ha detto PETAIndia Chief Advocacy Officer Khushboo Gupta. ''I registi compassionevoli e lungimiranti non si sognerebbero mai di trasportare animali sensibili in un set cinematografico caotico e costringerli ad 'recitare'. PETAIndia sta chiamando il regista Mani Ratnam per tagliare la crudeltà e passare alla CGI moderna e umana e ad altre tecnologie di effetti visivi', ha affermato ulteriormente il comunicato della PETA.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Top News ed è generata automaticamente da un feed in syndication.)