La Cina sta finanziando progetti infrastrutturali in tutto il mondo: molti potrebbero danneggiare la natura e le comunità indigene

Questi progetti sono stati spesso approvati senza il riconoscimento o il consenso delle comunità indigene locali. In uno studio appena pubblicato, il nostro team di economisti dello sviluppo e scienziati della conservazione ha mappato i rischi che i progetti di finanziamento dello sviluppo all'estero cinesi comportano per le terre indigene, le specie minacciate, le aree protette e le potenziali criticità habitat per la conservazione della biodiversità globale.


  • Nazione:
  • Regno Unito

Di Blake Alexander Simmons , Kevin P. Gallagher andRebecca Ray ,Boston Università di Boston (USA), 24 settembre (La conversazione) Cina sta plasmando il futuro dello sviluppo economico attraverso la sua Cintura e Road Initiative, un'ambiziosa spinta internazionale multimiliardaria per connettersi meglio al resto del mondo attraverso il commercio e le infrastrutture. Attraverso questa impresa, la Cina sta fornendo a oltre 100 paesi i finanziamenti che hanno cercato a lungo per strade, ferrovie, centrali elettriche, porti e altri progetti infrastrutturali.

quando è Peaky Blinders stagione 6?

Questo enorme sforzo potrebbe generare un'ampia crescita economica per i paesi coinvolti e l'economia globale. La Banca Mondiale stima che il prodotto interno lordo dei paesi beneficiari potrebbe aumentare fino al 3,4% grazie a Belt e finanziamento stradale.

Ma lo sviluppo spesso espande il movimento umano e l'attività economica in nuove aree, che possono promuovere la deforestazione, il traffico illegale di specie selvatiche e la diffusione di specie invasive. Le iniziative passate hanno anche innescato conflitti violando le terre indigene. Questi progetti sono stati spesso approvati senza il riconoscimento o il consenso delle comunità indigene locali.



In uno studio appena pubblicato, il nostro team di economisti dello sviluppo e scienziati della conservazione ha mappato i rischi cinesi i progetti di finanziamento dello sviluppo all'estero rappresentano terre indigene, specie minacciate, aree protette e potenziali habitat critici per la conservazione della biodiversità globale. Abbiamo scoperto che oltre il 60% dei progetti di sviluppo della Cina presenta alcuni rischi per la fauna selvatica o le comunità indigene.

Diversi progetti e rischi Il nostro studio esamina 594 progetti di sviluppo finanziati dalla Cina Development Bank e Export-Import Bank of China. Abbiamo creato un database per tenere traccia delle caratteristiche e delle posizioni dei progetti che queste due banche politiche hanno sostenuto tra il 2008 e il 2019. Durante questo periodo, le banche hanno impegnato oltre 462 miliardi di dollari in finanziamenti per lo sviluppo in 93 paesi, all'incirca quanto la Banca mondiale , il tradizionale leader globale nel finanziamento dello sviluppo, impegnato in quel periodo.

Quasi la metà di tutti i progetti finanziati da queste due banche si trova all'interno di potenziali habitat critici. Queste sono aree che potrebbero essere essenziali per la conservazione e richiedono speciali considerazioni di protezione, secondo l'International Finance Corporation, un'unità della Banca Mondiale che promuove gli investimenti privati ​​nei paesi in via di sviluppo.

Uno su tre dei progetti rientra nelle aree protette esistenti e quasi uno su quattro si sovrappone a terreni di proprietà o gestiti da popolazioni indigene. In totale, calcoliamo che il portafoglio finanziario per lo sviluppo della Cina potrebbe avere un impatto fino al 24% degli anfibi, uccelli, mammiferi e rettili minacciati nel mondo. I rischi maggiori si trovano in Sud America ,Africa centrale e sud-est asiatico. Tutti i progetti che le policy bank cinesi stanno finanziando in Benin , Bolivia e Mongolia sovrapposizione con aree protette esistenti o potenziali habitat critici. Più del 65% di cinesi progetti di sviluppo in Etiopia ,Laos e Argentina si trovano all'interno delle terre indigene.

In media, i rischi per le terre indigene sono maggiori da progetti di estrazione e trasporto, come miniere, oleodotti e strade. Le maggiori minacce alla natura sono i progetti energetici, comprese le dighe e le centrali elettriche a carbone. Ad esempio, una cascata di sette dighe idroelettriche lungo il fiume Nam Ou in Laos ha spostato le comunità indigene che dipendevano dagli ecosistemi locali per il loro sostentamento.

Come la Banca Mondiale affronta questi rischiCina può essere il più grande prestatore di sviluppo da paese a paese del mondo, ma non è l'unica fonte di finanziamento per le economie emergenti. La Banca Mondiale , un'organizzazione internazionale finanziata principalmente da nazioni ricche, è stata una delle principali fonti di finanziamento per lo sviluppo negli ultimi 40 anni, ma il suo approccio è nettamente diverso da quello cinese.

Nel 20° secolo, i critici assalirono la Banca Mondiale per finanziare progetti che hanno causato danni ambientali e conflitti sociali. Ma negli ultimi 30 anni ha messo in atto una serie di riforme ambientali e sociali progettate per orientare i prestiti verso progetti di sviluppo più inclusivi e sostenibili. Proprio quest'anno, la banca si è impegnata ad allineare i propri prestiti con l'Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici entro il 2023. La rapida crescita economica della Cina dagli anni '80 l'ha resa uno dei principali inquinatori del mondo. Ora i suoi leader stanno lavorando per migliorare le prestazioni ambientali del loro paese.

La Cina ha creato un sistema nazionale di aree protette e si è impegnata a rendere la sua economia nazionale a emissioni zero entro il 2060. Ma non ha fatto tali riforme nei suoi prestiti esteri.

Progetti finanziati dalla Banca Mondiale a confronto dal 2008-2019 con la nostra lista di cinesi prestiti, abbiamo scoperto che in media i progetti cinesi rappresentano un rischio significativamente maggiore per la natura e le terre indigene, principalmente nel settore energetico.

La Banca Mondiale ha anche una percentuale preoccupante di prestiti in aree ad alto rischio. In particolare, le strade, le ferrovie e altri progetti di trasporto che ha finanziato durante questo periodo comportano rischi per la biodiversità quasi equivalenti a quelli posti da progetti simili finanziati dalla Cina.

Ad esempio, nel 2016 la Banca Mondiale ha finanziato un importante progetto stradale in tutta la Repubblica Democratica del Congo, compreso il territorio delle popolazioni indigene, aprendole alla perdita di proprietà e mezzi di sussistenza, nonché alla violenza. Un'indagine interna formale ha rilevato che si era verificato un danno grave e ha diretto la Banca Mondiale per gestire con più attenzione i progetti futuri.

Rendere sostenibile il finanziamento allo sviluppoCina ha un'opportunità con theBelt e Road Initiative per migliorare le reti infrastrutturali in tutto il mondo in modo sostenibile e inclusivo. Di recente ha pubblicato le Linee guida interministeriali per lo sviluppo verde per gli investimenti e la cooperazione all'estero, un insieme di linee guida volontarie prodotte dalla società cinese esperti di università, organizzazioni governative e non governative ed esperti internazionali, tra cui due di noi (Kevin Gallagher e Rebecca Ray). Questo rapporto sollecita il cinese investitori a rispettare gli standard ambientali del paese ospitante. Quando tali standard sono inferiori a quelli cinesi, le linee guida raccomandano di utilizzare standard ambientali internazionali. In un passo promettente, il presidente Xi Jinping ha annunciato il 21 settembre 2021 alle Nazioni Unite che la Cina non costruirebbe nuove centrali elettriche a carbone all'estero. Altrettanto importante, ha annunciato che la Cina rafforzerà il sostegno ad altri paesi in via di sviluppo nello sviluppo di energia verde ea basse emissioni di carbonio. Un cambiamento così potente può aprire l'accesso alle energie rinnovabili in tutto il mondo in via di sviluppo. Tuttavia, il nostro studio mostra che gli investimenti in settori a basso impatto possono ancora comportare rischi per gli ecosistemi e le comunità vulnerabili. Riteniamo che questi impegni climatici dovrebbero essere integrati con standard di prestazioni sociali e ambientali simili che tengano conto dei rischi locali per la biodiversità e le popolazioni indigene. (La conversazione) NSA

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Top News ed è generata automaticamente da un feed in syndication.)