Sadhu che ha tentato l'auto-immolazione a Bharatpur, nel Rajasthan, muore all'ospedale di Delhi

Il veggente, che ha tentato l'autoimmolazione a Deeg a Bharatpur per protestare contro l'attività mineraria illegale, è stato dichiarato morto in un ospedale di Delhi, hanno detto i funzionari sabato.


 Sadhu che ha tentato l'auto-immolazione in Rajasthan's Bharatpur dies in Delhi hospital
Visuale dal posto del 20 luglio (Foto/ANI). Credito immagine: ANI
  • Paese:
  • India

Il veggente, che ha tentato l'auto-immolazione Giorni in Bharatpur per protestare contro l'estrazione illegale, è stato dichiarato morto in a Delhi Ospedale, hanno detto i funzionari sabato. 'Sadhu vijay das è deceduto intorno alle 2.30 nell'ospedale dove era in cura dopo il tentativo di autoimmolazione. L'autopsia è stata fissata per le 9 del mattino', ha informato Sottodivisionale Ufficiale, Sanjay Goy.

All'inizio del 21 luglio, si diceva che le sue condizioni fossero stabili. L'incidente è stato segnalato in Giorni il 20 luglio quando Sadhu vijay das tentata auto-immolazione tra le proteste per l'estrazione illegale nella zona.

I funzionari della città si erano precipitati sul posto per spegnere l'incendio e salvare Das. La gente del posto e i sadhu chiedevano da molto tempo la messa al bando delle miniere.



L'amministrazione ha anche assicurato ai sadhu che le mine sarebbero state spostate dalla zona e li ha informati sui piani del governo statale per trasformare la zona in un luogo turistico religioso. 'Queste miniere saranno spostate e circa 2.500 persone che saranno disoccupate di conseguenza, saranno impiegate da qualche altra parte... Il governo statale intende trasformarla (area mineraria di pietra) in un luogo di turismo religioso', ha aggiunto Ranjan.

Martedì un sadhu è salito in cima a una torre mobile nel distretto Giorni martedì mattina per protestare contro l'estrazione di pietre nella zona. L'uomo è stato convinto a scendere alla fine. (ANI)