Il boss di Soccer-Wolves Lage ringrazia il Messico per il compromesso di Jimenez

Wolves ha detto che la FA messicana ha chiesto a Jimenez di essere stato bandito dal gioco secondo i regolamenti FIFA dopo che il 30enne non ha viaggiato per servizio internazionale la scorsa settimana poiché avrebbe dovuto mettere in quarantena per 10 giorni in un hotel al suo ritorno in Inghilterra. I lupi hanno detto di aver raggiunto un compromesso con il Messico, il che significa che il giocatore era stato autorizzato per la selezione da Lage.



Bruno Lage, allenatore del Wolverhampton Wanderers ringraziato il messicano Federcalcio venerdì per essere arrivato a un compromesso che ha permesso all'attaccante Raul Jimenez sarà disponibile per la Premier League di sabato partita contro Watford. I lupi hanno detto il messicano La FA ha chiesto a Jimenez di essere stato bandito dal giocare sottoFIFA dopo che il 30enne non ha viaggiato per servizio internazionale la scorsa settimana poiché avrebbe dovuto mettere in quarantena per 10 giorni in un hotel al suo ritorno in Inghilterra.

I lupi hanno detto di aver raggiunto un compromesso con il Messico , il che significa che il giocatore era stato autorizzato per la selezione da Lage. 'È una buona decisione da parte di tutti, specialmente del Messico', ha detto Lage. 'Non ho parlato con loro personalmente, ma so che il club ha parlato e siamo arrivati ​​a una buona soluzione.

'Siamo grati di poter usare Raul perché il gioco consiste nel mettere in campo i migliori giocatori.'Premier League i club dovranno affrontare sanzioni dalla FIFA se giocano in Sud America giocatori, che non sono stati rilasciati per servizio internazionale, nelle partite di questo fine settimana.

La Confederazione calcistica brasiliana (CBF) ha attivato il 'periodo di restrizione automatico' di cinque giorni che impedisce ai club di scegliere i giocatori che non sono stati rilasciati, lasciando molti top club senza giocatori chiave. Lage ha affermato che gli organi di governo del calcio e le federazioni devono trovare una soluzione praticabile prima della prossima pausa internazionale di ottobre.

'Non lo so (se meno giocatori viaggeranno nella pausa di ottobre), ma abbiamo un mese per capire cosa accadrà davvero e penso che le persone prenderanno la decisione migliore', ha aggiunto.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Top News ed è generata automaticamente da un feed in syndication.)