Lo studio indaga su come le espulsioni dalla corona solare influenzino le previsioni meteorologiche nello spazio

Un recente studio ha mostrato come le condizioni e gli eventi nell'atmosfera solare, come le espulsioni di massa coronale, influenzino l'accuratezza della previsione del tempo spaziale, che è cruciale per la salute dei satelliti, ha detto martedì il Dipartimento di Scienza e Tecnologia DST. Questa comprensione aiuterà il interpretazione dei dati dell'imminente Aditya-L1, la prima missione solare dell'India. Il tempo spaziale si riferisce alle condizioni del vento solare e dello spazio vicino alla Terra, che possono influire negativamente sulle prestazioni dei sistemi tecnologici spaziali e terrestri.


Immagine rappresentativa Credito immagine: ANI
  • Nazione:
  • India

Un recente studio ha mostrato come le condizioni e gli eventi nell'atmosfera solare come le espulsioni di massa coronale influenzino l'accuratezza della previsione del tempo spaziale, che è cruciale per la salute dei satelliti, ha detto martedì il Dipartimento di Scienza e Tecnologia (DST).

Questa comprensione aiuterà l'interpretazione dei dati dal prossimo Aditya-L1 , la prima missione solare dell'India.

La meteorologia spaziale si riferisce alle condizioni nel vento solare e nello spazio vicino alla Terra, che possono influire negativamente sulle prestazioni dei sistemi tecnologici spaziali e terrestri. Il tempo spaziale vicino alla Terra è dovuto principalmente alle espulsioni di massa coronale (CME), che sono frequenti espulsioni esplosive di enorme plasma magnetizzato dal Sole nell'ambiente circostante che possono soffiare oltre la Terra.



dove è stato girato da solo

Un esempio di eventi meteorologici spaziali è la tempesta geomagnetica, una perturbazione nel campo magnetico terrestre, che può durare da poche ore a pochi giorni. La comprensione di come gli eventi nell'atmosfera solare influenzano la meteorologia spaziale è necessaria per monitorare e mantenere i nostri satelliti.

Nel presente lavoro, gli astronomi guidati da WageeshMishra dell'Istituto Indiano di Astrofisica (IIA) a Bangalore , istituto aDST , ha mostrato che le proprietà del plasma e la Terra i tempi di arrivo delle CME dal Sole possono variare sostanzialmente con le posizioni longitudinali nello spazio interplanetario. Questa ricerca è pubblicata nel Monthly Notice of the Royal Astronomy journal e co-autore di Kunjal Dave dalla CU Shah University inGujarat , Professor Nandita Srivastava del Laboratorio di Ricerca Fisica inUdaipur e il Professor Luca Teriaca dell'Istituto Max Planck per la ricerca sul sistema solare in Germania.

In altre ricerche, il team ha studiato le CME dirette dalla Terra e le controparti interplanetarie delle CME (ICME). Con accesso a misurazioni del plasma pubblicamente disponibili in situ in tre punti del Sistema Solare, due dei veicoli spaziali STEREO della NASA e il coronografo LASCO a bordo di SOHO situati vicino al primo Lagrangiano punto (L1) sulla linea Sole-Terra, hanno ricostruito una vista 3D delle CME e ICME.

I due eventi che sono alla base del presente studio sono gli ICME dell'11 marzo e del 6 agosto 2011, quando sono arrivati ​​sulla Terra.

Utilizzando osservazioni remote e in situ multipunto, lo studio ha studiato le differenze nella dinamica, tempo di arrivo, plasma e parametri del campo magnetico di ICME strutture nelle posizioni nell'eliosfera in cui si trovano i diversi satelliti.

Il team spiega che il Sole emette un flusso continuo di particelle cariche chiamato vento solare. I due eventi selezionati erano ideali per studiare gli effetti degli shock CME che si muovono attraverso il vento solare.

nuovo cast del film pirati dei caraibi

'Abbiamo scoperto che le caratteristiche del plasma e i tempi di arrivo di uno shock guidato da CME, che si propaga in un mezzo disomogeneo precondizionato, possono essere diversi in diverse posizioni longitudinali nell'eliosfera', ha detto Mishra , l'autore principale.

Lo studio evidenzia le difficoltà nel collegare le osservazioni locali di anICME da un singolo veicolo spaziale in situ alle sue strutture globali e spiega che la previsione accurata di grandi strutture CME in qualsiasi posizione nell'eliosfera è impegnativa. Ha sottolineato che la mancanza di informazioni sul mezzo del vento solare ambientale precondizionato può limitare gravemente l'accuratezza dell'ora di arrivo della CME e la previsione del tempo spaziale.

Questa nuova comprensione aiuterà l'interpretazione dei dati delle missioni spaziali, ha aggiunto lo studio.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Top News ed è generata automaticamente da un feed in syndication.)