Partner della Banca Mondiale e dell'UNICEF per la distribuzione del vaccino contro il COVID19 in Sud Sudan

Attraverso questa collaborazione, iniziata nel 2018, l'UNICEF ha implementato un progetto nel settore sanitario finanziato dalla Banca Mondiale che fornisce servizi essenziali per la salute materna e infantile a Jonglei e nell'Alto Nilo.


Immagine rappresentativa Credito immagine: ANI
  • Nazione:
  • Sudan del Sud

La Banca Mondiale e UNICEF stanno collaborando alla realizzazione di un progetto da 53,5 milioni di dollari in Sud Sudan che si concentra sul COVID-19 (Coronavirus) diffusione del vaccino nel paese e fornitura di servizi sanitari essenziali per le popolazioni più vulnerabili in due delle aree più difficili da raggiungere: gli stati di Jonglei e Upper Nile.

Questa stretta collaborazione tra la Banca Mondiale e UNICEF inSud Sudan arriva in un momento cruciale in cui il Paese continua a rispondere al COVID-19 pandemia, compreso il potenziamento dei suoi sforzi di lancio della vaccinazione. Entrambe le parti sosterranno inoltre il Ministero della Salute nel migliorare la sua gestione del sistema sanitario sud sudanese e la sua capacità di pianificare e attuare programmi.

'La Banca Mondiale' apprezza la sua partnership con l'UNICEF in quanto si concentra sul compito urgente della distribuzione del vaccino COVID19 e sulla fornitura di interventi salvavita ai bambini e alle donne più vulnerabili nel Sud Sudan. Cerca inoltre di rafforzare la capacità del Ministero della salute a livello nazionale, statale e comunitario di garantire un accesso sostenibile ai servizi sanitari di base per tutti i residenti del paese', ha affermato Firas Raad. ,Banca Mondiale Country Manager per il Sud Sudan.

il mio eroe accademico 282

Attraverso questa collaborazione, iniziata nel 2018,UNICEF ha implementato un progetto del settore sanitario finanziato dalla Banca Mondiale che fornisce servizi essenziali per la salute materna e infantile a Jonglei e nell'Alto Nilo. Il progetto ha finora immunizzato 126.489 bambini con il vaccino penta3 e 127.912 bambini con i vaccini contro il morbillo e ha fornito servizi di assistenza prenatale a 55.404 donne incinte. Ha inoltre assicurato la nascita di 20.651 neonati con l'aiuto di personale sanitario qualificato. Il progetto ha anche facilitato la consegna di 587 tonnellate di forniture mediche e medicinali; e ha fornito sapone, secchi e pastiglie per la purificazione dell'acqua a 685.000 persone in entrambi gli stati.

'La nostra partnership unica con la Banca Mondiale permetteUNICEF costruire sui risultati congiunti che hanno permesso a donne e bambini negli angoli più remoti del Sud Sudan accedere ai servizi sanitari di base e garantire il loro diritto alla sopravvivenza e alla salute', ha affermato Hamida Lasseko, UNICEF Rappresentante in Sud Sudan.

La partnership di sviluppo tra la Banca Mondiale e UNICEF ha anche sostenuto l'Ebola e il COVID-19 del Sud Sudan risposta in termini di logistica e operazioni, inclusi screening ai punti di ingresso, attività di comunicazione del rischio per creare consapevolezza e formazione del personale sanitario su un'efficace prevenzione e controllo delle infezioni. In futuro, il lavoro congiunto si concentrerà su cinque aree chiave:

haida aggretsuko

Distribuzione dei vaccini, costruzione di attrezzature per la catena del freddo resistenti al clima per lo stoccaggio e il trasporto sicuri dei vaccini e la sensibilizzazione della comunità per promuovere il COVID-19 del Sud Sudan pianificazione e consegna del vaccino

Fornitura di servizi sanitari essenziali, compresi i servizi di salute materna, neonatale e infantile ad alto impatto negli stati di Jonglei e Upper Nile

Costruire la capacità istituzionale e tecnica del Ministero della Salute, sviluppare le politiche sanitarie nazionali e rafforzare la preparazione e la risposta alle emergenze.

gli episodi del grand tour

Supporto per lo sviluppo di dati unificati e sistemi di gestione dei rapporti per supportare il monitoraggio, la valutazione e l'apprendimento

Sviluppo della capacità nazionale di preparare, prevenire e rispondere alle emergenze di salute pubblica